I nostri post

Nel silenzio di chi governa il porto

Mentre si abusa del porto il silenzio di chi dovrebbe mettere ordine è assordante. Quella ferraglia finirà in quello che era diventato parcheggio questa estate e avvicinerà le lavorazioni al Borgo di Arbatax ed al Porto Turistico. Non disturbate il

Read More »

Arbatax, una ferrovia gestita con il compasso

Da anni si discute di quel tratto di ferrovia che separa il Borgo di Arbatax dal suo porto, da anni si vedono turisti con buste della spesa e casse d'acqua scavalcare questa barriera per portarsi la spesa in barca, da

Read More »

Porto di Arbatax. Un’area sterile esorbitante

Parlare del Porto di Arbatax è difficile, non perche' non ci siano decine di argomenti e conseguentemente di problemi da affrontare ma perché la sovrapposizione di interessi presenti in quell'area è enorme. Interessi latenti, consolidati nel tempo che ne impediscono

Read More »

Arbatax, il Porto di Nessuno. Cercasi Ulisse

Viviamo in un territorio che ha perso quel modesto sostrato industriale che esisteva ai tempi della Cartiera e negli anni non è riuscito a ricostruire un tessuto connettivo imprenditoriale tale, da poter accompagnare il processo turistico in grande espansione. Se

Read More »

Il Porto di Arbatax sempre più una babele

Per Arbatax si sperava che con l'attribuzione delle competenze sul porto alla Autorità Portuale sarebbe tornata la legalità e soprattutto si mettesse in campo una strategia di rilancio dello scalo funzionale al territorio. Invece si continua con la stessa solfa,

Read More »

Come può esistere un ospedale senza medici

Grido d'allarme per l'ospedale di Lanusei, non ci sono medici! La scoperta dell'acqua calda. Ora emerge con chiarezza, l'ospedale ogliastrino non ha senso di esistere così come è stato configurato dalla politica e da chi lo ha governato negli ultimi

Read More »

A Barisardo la lista della Asl fa flop

A volte le ciambelle non escono con il buco. A Barisardo la lista della Asl ha preso una scoppola memorabile. Lo avevamo detto che i cittadini stanno cominciando a tirar fuori la testa ed a ribellarsi. Grande delusione per il

Read More »

La Costituzione italiana e le pandine bianche

La nostra Carta Costituzionale è molto chiara quando si parla di Salute, l'articolo 32 della Costituzione recita infatti: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere

Read More »

Ospedale. Il silenzio degli incoscienti

La cura Marras funziona! È caduto il silenzio sulla sanità e l'ospedale di Lanusei. Non si muove nulla eccetto le pandine bianche che continuano a brulicare per l'Ogliastra.  Serve un nuovo scossone…

Read More »

Chi ha sostenuto la scelta di Marras?

Dopo l'agitazione delle scorse settimane, antecedenti alla nomina del nuovo Direttore Generale della Asl Ogliastra, in questi giorni la conferenza dei Sindaci capeggiata dal Sindaco di Lanusei Burchi e silente. La scelta di Marras e' avvenuta in maniera quantomeno strana

Read More »

Asl, ora parte la strategia del tirare a campare

Ora le caselle della Asl sono tutte apposto, e' arrivato il Direttore Generale, il Direttore Sanitario facente funzioni continua a studiare per diventare un effettivo, le pandine bianche circolano regolarmente, ed i Sindaci, quelli impegnati nella vicenda ovviamente, hanno raggiunto

Read More »

L'editoriale

Ci sono momenti nei quali è bene non pensare solo a se stessi ed è giusto cominciare a ragionare sull’interesse comune. Momenti nei quali ti accorgi che, se puoi, devi tentare di risvegliare la coscienza collettiva verso un obiettivo di interesse generale.

Ecco perché ho deciso di parlare di Sanità in Ogliastra. In maniera non convenzionale. Perché, se lo avessi fatto con i canoni ordinari della comunicazione, l’attenzione sarebbe stata pari a zero. Oggi fa effetto l’eclatanza, devi colpire forte, in caso contrario prevale l’ininfluenza. Anni di professione me lo hanno insegnato. Ecco il perché di manifesti con frasi ad effetto, che non potevano passare inosservate e che, di fatto, hanno sollevato un polverone.

Da un lato solo polemiche. Nessuna sorpresa. Ero certo che la ASL non sarebbe riuscita ad andare oltre la classica minaccia di denuncia. Del resto, tale è il livello del management. Da un altro lato mi aspettavo la mistificazione, il tentativo subdolo di ribaltare le mie parole come fossero un j’accuse diretto al personale medico e sanitario, al quale riservo tutta la mia empatia e solidarietà, essendo essi stessi vittime del sistema. Ma mi aspettavo anche una piccola reazione, e questa sta cominciando ad emergere: da qualche giorno la discussione sulla sanità prende piede e cominciano ad affiorare voci, discussioni.

Qualche sindaco sonnolento inizia lentamente a risvegliarsi, magari destato dall’imminente campagna elettorale, ma va ugualmente bene. Anche partiti ormai in via d’estinzione fanno timidamente capolino.

Benissimo, ben venga tutto ciò. Ma non basta. Non ci si può fermare ad un sterile riconoscimento dello stato di fatto, della inefficienza del sistema sanitario territoriale, senza cercare e proporre a possibili soluzioni. Per individuare e cominciare a percorrere una strada nuova, è inevitabile abbandonare la vecchia. E in questo caso è necessario smantellare il vecchio sistema.

Questo ospedale – ribadisco – così come è strutturato, non serve ai cittadini ogliastrini.  Sono reparti inutili, non serve un presidio classico, ci vuole una soluzione moderna evoluta che soddisfi l’esigenza primaria: il soccorso di primo intervento ed il collegamento con le strutture regionali specializzate.

Non so se sia già arrivato il momento della proposta, perché prima di essa deve emergere la consapevolezza che il sistema attuale non funziona. Ecco perché continuerò a porre domande agli attuali “gestori” della sanità ogliastrina, attraverso questo blog ed attraverso altri mezzi convenzionali e non. Nella speranza che i cittadini ogliastrini, in un sussulto d’orgoglio, caccino dal tempio gli abusivi e si riapproprino del proprio destino.

Consapevole che, affinché ciò accada, prima di tutto vada dispersa quella cappa di narcotico torpore che avvolge l’Ogliastra.

Ecco perché è imprescindibile demolire. Solo allora i nostri cittadini avranno la facoltà di ricostruire.

R.S.